Intelligenza dell’uomo spiegata

Intelligenza dell'uomo spiegata

Intelligenza accademica


Il concetto di intelligenza risale al verbo latino intellegere, che significa acquisizione, elaborazione e conservazione di informazioni. Da questo punto di vista, l’intelligenza è ristretta alle capacità cognitive e mentali dell’essere umano. Duemila anni dopo sembra ancora saggio riservare il termine intelligenza a quella che nella letteratura scientifica viene spesso chiamata intelligenza accademica. Questa è definita come prestazione intellettuale, all’interno di un sistema chiuso, su compiti accademici o su problemi accademici che hanno obiettivi fissi, una struttura fissa ed elementi noti, e si distingue dall’intelligenza sociale, quotidiana, di successo o pratica. Usiamo il termine intelligenza qui per indicare l’intelligenza accademica.

Intelligenza contro competenze


I concetti di intelligenza e competenza sono spesso applicati come sinonimi (Süß et al., 2005). Alcuni tratti distintivi comunemente accettati in letteratura sono la specificità del contesto della competenza (Kanning, 2002; McFall, 1982) e il significato più generale dei costrutti di intelligenza attraverso situazioni o contesti (Süß et al., 2005). La competenza sembra essere più soggetta a modifica e apprendimento (Rose-Krasnor, 1997), mentre l’intelligenza è relativamente stabile nel tempo e considerata in larga misura ereditaria (vedi Deary et al., 2006 per una panoramica). Tuttavia, l’intelligenza è spesso una parte necessaria della valutazione delle competenze

Il concetto di intelligenza

Il concetto di intelligenza


Una definizione del concetto di intelligenza è allo stesso tempo controversa e complessa. Sottolineare qui i punti di disaccordo sarebbe controproducente, poiché non possiamo valutare realisticamente le questioni in questione se viene aggirata una definizione di consenso. Allo stesso tempo, una parte della complessità deve essere preservata se vogliamo rendere giustizia al termine e testare in modo significativo i limiti del concetto di intelligenza nel contesto dell’afasia.

Sir Cyril Burt (1955) ha attribuito l’origine del concetto di intelligenza a Platone e Aristotele e attribuisce a Cicerone la coniazione del termine. L’uso di test per valutare l’intelligenza, così come l’applicazione di statistiche a questi dati, è stato introdotto da uno scienziato inglese, Sir Francis Galton. Galton era interessato a sostenere le teorie di suo cugino di primo grado, Charles Darwin, dimostrando che i principi della discendenza ereditaria si applicavano agli attributi intellettuali oltre che fisici. A tal fine pubblicò il suo studio Hereditary Genius nel 1869 (Galton, 1887). Ma come ha sottolineato Zangwill (1964), il vero lavoro sull’esplorazione e lo sviluppo di questo concetto è iniziato con lo sviluppo di test di intelligenza allo scopo di affrontare i problemi socioeducativi. Questo lavoro è stato iniziato da Alfred Binet, un avvocato francese e scienziato naturale di formazione, che è diventato uno psicologo in gran parte attraverso l’autotutela.

La maggior parte delle autorità fa una distinzione tra l’applicazione del concetto di intelligenza per rappresentare le proprie capacità rispetto alle proprie prestazioni effettive. Un individuo molto intelligente in alcune occasioni potrebbe avere scarsi risultati in un test di intelligenza per una serie di motivi, come ansia o preoccupazione. Chiaramente si potrebbe fingere una cattiva prestazione in un test di intelligenza, e ovviamente un evento del genere non abbasserebbe in alcun modo la competenza intellettuale di quella persona. Pertanto, questa distinzione tra capacità e prestazioni è cruciale e deve essere affrontata più avanti in questo capitolo.

Wechsler (1958) ha descritto l’abilità intellettuale generale come la “capacità globale dell’individuo di agire in modo mirato, di pensare razionalmente e di affrontare efficacemente il proprio ambiente” (p. 7). Il comportamento intellettuale o l’intelligenza funzionale, ha detto, dipende dalle capacità intellettuali generali più dal modo in cui vengono combinate abilità cognitive specifiche e da fattori non intellettuali come la spinta della persona e l’incentivo offerto dalla situazione in cui viene valutata l’intelligenza.

Come il cervello risponde alla bellezza

cervello e bellezza

Perseguita sia da poeti che da artisti, la bellezza è sempre sfuggente. Lo cerchiamo nella natura, nell’arte e nella filosofia, ma anche nei nostri telefoni e mobili. Lo apprezziamo oltre la ragione, cerchiamo di circondarci di esso e ci perderemo persino nel perseguirlo. Il nostro mondo è definito da esso, eppure facciamo fatica a definirlo.

Come osservò il filosofo George Santayana nel suo libro del 1896 The Sense of Beauty, c’è dentro di noi “una tendenza molto radicale e diffusa a osservare la bellezza e ad apprezzarla”.

Filosofi come Santayana hanno cercato per secoli di comprendere la bellezza, ma forse ora anche gli scienziati sono pronti a cimentarsi. E mentre la scienza non può ancora dirci cos’è la bellezza, forse può dirci dove si trova o dove non è. In uno studio recente, un team di ricercatori dell’Università Tsinghua di Pechino e i loro colleghi hanno esaminato l’origine della bellezza e hanno sostenuto che è enigmatica nel nostro cervello quanto lo è nel mondo reale.

teoria sulla bellezza

Non mancano le teorie su ciò che rende un oggetto esteticamente gradevole. Le idee sulla proporzione, l’armonia, la simmetria, l’ordine, la complessità e l’equilibrio sono state tutte studiate in modo approfondito dagli psicologi. Le teorie risalgono al 1876, agli albori della psicologia sperimentale, quando lo psicologo tedesco Gustav Fechner ha fornito la prova che le persone preferiscono i rettangoli con i lati in proporzione al rapporto aureo (se sei curioso, quel rapporto è di circa 1,6:1 ).

Le teorie sulla bellezza

A quel tempo, Fechner era immerso nel progetto della “psicofisica esterna“, la ricerca di relazioni matematiche tra gli stimoli e le loro percezioni risultanti. Ciò che lo affascinava e al tempo stesso lo sfuggiva, tuttavia, era la ricerca molto più difficile della “psicofisica interiore”, che metteva in relazione gli stati del sistema nervoso con le esperienze soggettive che li accompagnano. Nonostante i suoi esperimenti con il rapporto aureo, Fechner continuò a credere che la bellezza fosse, in larga misura, nel cervello di chi guarda.

Questo marchio e Negozio Valuxxo, è uno dei primi a promuovere naturalezza e i loro prodotti sono per gli uomini più esigenti. Tutte le info qui https://valuxxo.it/

Scienza dietro la bellezza

Quindi quale parte del nostro cervello risponde alla bellezza? La risposta dipende dal fatto che vediamo la bellezza come una singola categoria. Gli scienziati del cervello che favoriscono l’idea di un tale “centro di bellezza” hanno ipotizzato che possa vivere nella corteccia orbitofrontale, nella corteccia prefrontale ventromediale o nell’insula. Se questa teoria prevale, allora la bellezza potrebbe davvero essere fatta risalire a una singola regione del cervello. ù

Sperimenteremmo la bellezza allo stesso modo sia ascoltando una canzone di Franz Schubert, guardando un dipinto di Diego Velázquez o vedendo una cerva che nidifica sotto la luce delle stelle.

Se l’idea di un centro estetico è corretta, allora questa sarebbe una vittoria considerevole per la teoria della localizzazione funzionale. Sotto questo punto di vista, che è sia ampiamente condiviso che ampiamente contestato, gran parte di ciò che fa il cervello è il risultato di moduli altamente specializzati.

Per semplificare un po’ l’idea, potremmo immaginare di assegnare post-it ad aree del cervello con le descrizioni del lavoro sotto: “centro del piacere”, “centro della memoria”, “centro visivo”, “centro estetico”. Sebbene alcune versioni di questa teoria siano probabilmente vere, non è certo il caso che qualsiasi tipo di stato mentale che puoi descrivere o intuire sia chiaramente localizzato da qualche parte nel cervello. Tuttavia, ci sono prove eccellenti, ad esempio, che parti specifiche della corteccia visiva hanno una squisita selettività per il movimento. Altre parti non sovrapposte sono chiaramente attivate solo dalle facce.

Esperimenti sul cervello e la reazione alla bellezza

Ma per ogni studio attento che trovi una funzione cerebrale localizzata in modo convincente, ce ne sono molti altri che non sono riusciti a corrispondere a una regione con una descrizione concreta del lavoro.

Piuttosto che potenzialmente aggiungere al mix di studi inconcludenti e poco potenti sul fatto che la percezione della bellezza sia localizzata in una specifica area del cervello nella loro recente indagine, i ricercatori della Tsinghua University hanno scelto di fare una meta-analisi.

Hanno messo insieme i dati di molti studi già pubblicati per vedere se è emerso un risultato coerente. Il team ha prima setacciato la letteratura per tutti gli studi di imaging cerebrale che hanno studiato le risposte neurali delle persone all’arte visiva e ai volti e che ha anche chiesto loro di riferire se ciò che hanno visto era bello o meno.

Dopo aver esaminato i diversi studi, ai ricercatori sono stati lasciati i dati di 49 studi in totale, che rappresentano esperimenti di 982 partecipanti. I volti e l’arte visiva sono stati considerati diversi tipi di cose belle, e questo ha permesso un test concettualmente semplice dell’ipotesi del centro estetico.

Se la bellezza trascendente e maiuscola era davvero qualcosa di comune ai volti e all’arte visiva ed è stata elaborata nella regione della bellezza con la B maiuscola del cervello, allora quest’area dovrebbe apparire negli studi, indipendentemente dalla cosa specifica che viene vista come bella.

Se non fosse stata trovata tale regione, i volti e l’arte visiva sarebbero più probabilmente, come dicono i genitori dei loro figli, ognuno bello a modo suo.

Ciò che gli uomini sulla ottantina possono insegnarci sull’invecchiamento

Invecchiamento

Non si può negare che l’età è ancora prevalente nella società di oggi. Chiediti, con quale frequenza hai dimenticato qualcosa o il nome di qualcuno e hai detto “Sto invecchiando”? Proprio come il razzismo e il sessismo, l’età non è OK.

Presuppone che tutte le persone anziane siano o si comportino allo stesso modo. Ma, proprio come ogni altro gruppo nella società, esiste una grande diversità tra le persone anziane che hanno abilità, background, comportamenti, atteggiamenti, valori e prospettive diversi sulla vita. E questa è una buona cosa. La diversità è ciò che rende la vita così interessante, quindi festeggiamola.

La città di Rockingham (situata nell’Australia occidentale) ha chiesto ai membri della comunità di età diverse i loro pensieri sulla domanda “Che cosa significa essere vecchi per te?”. I partecipanti hanno rivelato le loro risposte sulla telecamera, che la City ha trasformato in un breve filmato. Lo scopo di questo filmato è di stimolare la conversazione tra partecipanti e spettatori per indurli a pensare alla vita degli anziani e al loro significato. Chi decide cosa o quando è “vecchio” comunque? Il risultato è un film divertente che condivide una grande varietà di risposte, dal prevedibile all’imprevedibile, dal serio al divertente (persino sfacciato).

Mantenere un comportamento sano è difficile a qualsiasi età ma affronta nuove sfide man mano che invecchiamo. Incredibilmente, gli uomini, in particolare quelli con più di 50 anni, impongono un ulteriore onere a se stessi; un senso obsoleto di mascolinità.

Conosciamo tutti il ​​modello, è stato trafitto nella nostra testa da quando eravamo bambini: i ragazzi non piangono o mostrano alcuna emozione, gli uomini sono duri e corrono rischi e gli uomini non mostrano mai alcuna debolezza.

Cambiamento culturale

Sfortunatamente, mentre invecchiamo, non aggiorniamo il nostro pensiero nonostante il crescente riconoscimento che questo modello deve cambiare per l’uomo di tutte le età e una tonnellata di prove che documentano il danno che può causare negli uomini più anziani.

Questa visione di Neanderthal si traduce in una mentalità che dice che non abbiamo bisogno di vedere un medico su base regolare o in alcun modo gestire la nostra salute.

Insomma diciamolo chiaramente, gli uomini non amano invecchiare e ne soffrono piu’ che mai, infatti tramite una ricerca abbiamo scoperto che sempre piu’ uomini si affidano ad esperti per sembrare piu’ giovani ma non solo, gli uo,ini di oggi utilizzano sempre di piu’ creme antirughe per uomo e trattamenti specifici.

Ci fa pensare che possiamo ancora spalare la neve ed eseguire le faccende domestiche perché fare altrimenti ci renderebbe meno un uomo. Possiamo trascurare la nostra dieta e il nostro livello di attività perché è quello che siamo riusciti a fare quando avevamo 20 anni senza conseguenze. E certamente non vogliamo condividere i nostri sentimenti o ammettere che dobbiamo affrontare la vita in modo diverso. Mio Dio, che mossa femminuccia sarebbe!

Ora, non sto suggerendo che gli uomini possano semplicemente girare un interruttore per superare questa nozione di mascolinità che risale letteralmente all’uomo delle caverne e alcuni hanno chiamato mascolinità tossica. Edward Thompson, ricercatore di spicco della mascolinità, ha affermato che “chiari modelli di dignità maschile sono inesistenti per la vita futura”.

Il cambiamento culturale della grandezza che sto sostenendo richiede un impegno consapevole, il sostegno di donne, partner e quello che chiamo un collegio elettorale amorevole di oltre 50 uomini, ma deve accadere. Troppe delle malattie che affliggono i ragazzi più grandi, come il diabete e le malattie cardiache, sono autoimposte da comportamenti insalubri. Inoltre, la depressione dei sentimenti e la minimizzazione delle interazioni sociali rende gli uomini vulnerabili quando ci troviamo di fronte alle sfide emotive che l’invecchiamento comporta.

La creazione di una nuova definizione di mascolinità rappresenta un’opportunità per gli uomini di avere un impatto sia sulle generazioni attuali che su quelle future, bloccando la proliferazione di questa mentalità obsoleta.

Amazon: come i numeri sono al centro dell’etica gestionale di Jeff Bezos

Questo libro “rifletti mentre leggi” su Amazon arriva in un momento in cui la maggior parte del mondo è in blocco e l’e-commerce è l’opzione di riferimento per le tue esigenze quotidiane. Ma i lettori indiani, che dipendono in gran parte dai negozi di quartiere durante la fase attuale, possono cominciare a differire dagli scrittori mentre valutano Amazon, perché il maggiore americano non è stato in grado di tenere il passo con gli ordini per una serie di motivi.

Anche così, questa è una lettura informativa e facile per le aziende e gli studenti di gestione su come essere diversi e straordinariamente grandi. A differenza di molti libri di gestione, questo è …

Cominciamo con un po ‘di allenamento del cervello con memoria funzionante

Definizione della memoria di lavoro: i processi cerebrali che ti consentono di tenere a mente e di elaborare ulteriormente le informazioni rilevanti relative all’obiettivo nella memoria a breve termine a fronte di elaborazioni e / o distrazioni simultanee.

La quantità di informazioni che possono essere tenute a mente nello “spazio di lavoro mentale” della memoria di lavoro è limitata, ma alcuni individui possono tenere a mente più informazioni di altri, ovvero hanno una capacità di memoria di lavoro maggiore (WMC)

Ecco un esercizio di allenamento della memoria di lavoro fai-da-te che puoi fare in qualsiasi momento, sia che utilizzi o meno altre app IQ Mindware.

(1) Acquisire familiarità con la respirazione (diaframmatica) del ventre. Prende il nome dal modo in cui utilizza il diaframma (sotto i polmoni) per saturare completamente i polmoni con l’ossigeno. Questo ha l’effetto di spingere la pancia verso l’esterno.

(2) Trova del tempo libero in cui non stai facendo nulla e puoi concentrarti internamente. L’allenamento della memoria di lavoro rafforza la tua capacità di pensare internamente, non avere tutto il tuo pensiero guidato da stimoli esterni.

(3) Respirazione del ventre IN per un conteggio di 1-5 e OUT per un conteggio di 6-10 e ripetere questo ciclo, senza intoppi, senza pause. Dopo ogni ciclo di respiro in cui hai contato da 1 a 10, tieni un ulteriore conteggio “segnaposto” del numero di respiro, contando da 1 a 10 e poi di nuovo fino a 1 segnando ogni respiro completo. Quindi il modello del conteggio è:

1,2,3,4,5,6,7,8,9,10,1,2,3,4,5,6,7,8,9,10,1,2,3,4,5, 6.7,8,9,10,1,2,3,4,5…

(4) Inizia cercando di tenere traccia di 19 respiri di pancia, ovvero fino a 10 respiri e di nuovo a 1 (non contare 10 volte prima di contare di nuovo a 1!). Se perdi la traccia di dove ti trovi, ricomincia da 1.

(5) Una volta raggiunto questo obiettivo, estendi i cicli 1-10-1, in modo da poter mantenere questo esercizio tra 5-10 minuti. Ogni volta che perdi un posto, ricomincia da 1.

(6) Nel fare questo esercizio stai allenando la tua memoria di lavoro e la tua attenzione! Inoltre, stai praticando la respirazione del ventre che ha una serie di benefici per la salute, tra cui il sollievo dallo stress e cerca anche di dormire abbastanza la notte.

(7) Se senti di aver imparato questo esercizio di “doppio conteggio”, puoi combinarlo con l’ascolto di musica classica. Mentre tieni il conto, sposta la tua attenzione quando puoi sulla musica e prova ad ascoltarla attivamente, annotando ciò che vuoi sulla musica – come tono emotivo, o tempo, o melodie o combinazioni di strumenti. Ascolta la musica come se stessi dedicando un po ‘di tempo tranquillo per ottenere il massimo da essa – essendo il più attento possibile. Il passaggio tra l’attività di conteggio e la musica ti fornirà un ulteriore addestramento per spostare la tua attenzione tra due attività simultanee.

Perché questo allenamento del cervello con memoria di lavoro migliora l’intelligenza fluida (Gf)
Definizione di intelligenza fluida: la capacità di ragionare, risolvere i problemi e vedere nuove relazioni concettuali in situazioni nuove in cui non c’è stata pratica precedente. L’intelligenza fluida (Gf) è la più altamente correlata di tutti i fattori sottostanti del QI con l’intelligenza generale (g). In effetti su alcune misure, è praticamente identico a g.

Quando ragionate e problemi risolvete o prendete decisioni con la vostra intelligenza fluida, in genere dovete farvi strada attraverso uno spazio problematico – una sorta di albero ramificato di possibili soluzioni, o opzioni di decisione, ecc., Che dovete attraversare pur mantenendo traccia di dove ti trovi in ​​questo spazio problematico. Questa idea di uno spazio problematico è mostrata nella struttura di ramificazione a sinistra nel diagramma seguente.

Ti potrebbe interessare: https://nobell.it/come-il-cervello-risponde-alla-bellezza/

La tua attenzione (α in basso), tieni a mente alcune idee o informazioni nella tua memoria di lavoro a capacità limitata (ω), ad esempio un’ipotesi o un’opzione di decisione. Ora puoi fare qualche idea con questa idea, come immaginarne ulteriori implicazioni (aggiornandola). Quando hai pensato di pensare alle implicazioni, devi liberarti da quella linea di pensiero e spostare la tua attenzione su un’altra parte dello spazio del problema, ad es. un’opzione diversa. In questo processo puoi andare sempre più in profondità nello spazio del problema, come mostrato nel diagramma. Tutte queste funzioni della memoria di lavoro sono mostrate a destra nel diagramma.